Women and Anemia

Women and Anemia

L'anemia, condizione in cui nel sangue diminuisce il numero di globuli rossi, la quantità di emoglobina o il volume totale di eritrociti,1 rappresenta un problema globale di salute pubblica con un notevole impatto sia sui Paesi in via di sviluppo che in quelli industrializzati. Anche se esistono numerosi tipi di anemie, e quindi di cause che le determinano, il contributo più significativo allo sviluppo di un'anemia è dato dalla carenza di ferro,2 il disordine nutrizionale più frequente al mondo. Il ferro è l'unico nutriente il cui deficit ha una diffusione significativa nei Paesi industrializzati.3

L'anemia colpisce soprattutto donne e bambini, contando circa 818 milioni di casi tra donne, donne in gravidanza e bambini più piccoli.4 Uno stato nutrizionale deficitario, l'aumento delle perdite di sangue durante le mestruazioni e del volume di sangue circolante in gravidanza, incidono sulla prevalenza dell'anemia nel sesso femminile.5

  • L'anemia ha un impatto su oltre il 30% della popolazione mondiale.3
  • L'anemia prevale nelle donne rispetto agli uomini.2
  • L'anemia contribuisce al 20% di tutte le morti materne.3
Contattaci

Types of Anemia

Anche se esistono numerosi tipi di anemie, e quindi di cause che le determinano, il contributo più significativo allo sviluppo di un'anemia è dato dalla carenza di ferro,6 il disturbo nutrizionale più frquente al mondo. Il ferro è l'unico nutriente il cui deficit ha una diffusione significativa nei Paesi industrializzati.7

L'anemia da carenza di ferro, detta anche anemia sideropenica, è un tipo comune di anemia (caratterizzata da bassi valori di globuli rossi) causata da insufficiente apporto e/o assorbimento di ferro alimentare o da una sua eccessiva perdita dovuta a sanguinamenti a carico di diversi organi come intestino, utero e apparato urinario.


Dati statistici

  • Il 50% dei casi di anemia è dovuto a carenza di ferro ma la percentuale può variare tra diverse popolazioni e aree geografiche in relazione alle specifiche condizioni locali.8
  • L'anemia sideropenica di grado moderato colpisce il 9% della popolazione mondiale e prevale nelle donne rispetto agli uomini.8
  • Le stime internazionali relative alla carenza di ferro non sono molto precise, anche se il numero reale corrisponde probabilmente a più di un miliardo di individui.8

L'anemia megaloblastica è causata da una incompleta formazione dei globuli rossi che determina un'elevata presenza di cellule immature, non completamente sviluppate, nel sangue circolante. Tali eritrociti non funzionano come di norma e sottraendo spazio alle cellule sane provocano anemia. Dato lo scarso sviluppo di queste cellule, la loro sopravvivenza è ridotta.9 Bassi livelli di vitamina B12 o di acido folico sono le cause più comuni di questo tipo di anemia.


Dati statistici

  • L'anemia megaloblastica è più comune negli anziani, con un rapporto di 1:8000.10
  • Questo tipo di anemia è presente in tutte le razze anche se è più frequente nei Paesi nordici.10
  • Esiste un'associazione con altre malattie autoimmuni, soprattutto con patologie della tiroide, morbo di Addison e vitiligine.10
  • La prevalenza di questo tipo di anemia negli Stati Uniti è piuttosto bassa, con meno di 200.000 persone colpite.

L'anemia perniciosa (PA), una forma di anemia megaloblastica, è una malattia rara in cui il corpo non assorbe una quantità sufficiente di vitamina B12 dall'apparato digerente, determinando la produzione di un numero insufficiente di globuli rossi (RBC). E' anche definita come anemia da deficit di vitamina B12.

 

Dati statistici

  • Negli Stati Uniti un individuo su 680 (0,15% della popolazione) soffre di PA.
  • Si stima che la PA interessi lo 0,1% della popolazione complessiva e l'1,9% dei soggetti oltre i 60 anni di età, rappresentando il 20-50% del deficit di vitamina B12 nell'adulto.11
  • Uno studio su soggetti americani di età superiore ai 65 anni ha rivelato una prevalenza pari al 15% di bassi livelli di vitamina B12 nel sangue. Si tratta probabilmente di un dato sottostimato considerando l'aumento del numero di anziani e la diffusione di farmaci che riducono l'acidità gastrica.
  • Negli adulti la PA è più diffusa tra gli individui di origine celtica (es. inglese, irlandese, scozzese) e scandinava. In questi gruppi si verificano 10-20 casi/anno ogni 100.000 individui. L'anemia perniciosa è meno frequente nei soggetti appartenenti agli altri gruppi etnici.12
  • Anche se un tempo si riteneva che la malattia fosse rara tra i nativi americani e non comune nei soggetti neri, l'incidenza in questi gruppi ora appare più elevata rispetto alle stime  precedenti.12
  • La PA si manifesta generalmente in individui adulti di età compresa tra i 40 e i 70 anni. Nei soggetti di razza bianca l'età media di insorgenza è di 60 anni, mentre risulta inferiore nei soggetti di razza nera (età media 50 anni).12
  • In Inghilterra, Scandinavia e nella popolazione di origine africana è stata riportata una prevalenza della PA nel sesso femminile (1,5:1). Tuttavia, i dati provenienti dagli Stati Uniti mostrano una distribuzione uguale tra i due sessi.12

 

Risk Factors

Due miliardi di persone, oltre il 30% della popolazione mondiale, soffrono di anemia, spesso a causa di una carenza di ferro. Nelle aree svantaggiate l'anemia è spesso aggravata dalle malattie infettive.14

 

Le donne e i soggetti affetti da malattie croniche hanno un rischio maggiore di sviluppare un'anemia. Importanti considerazioni a tale riguardo sono:15

  • Alcune anemie sono ereditarie, potendosi presentare nel bambino sin dalla nascita.
  • Le donne in età fertile sono particolarmente esposte al rischio di anemia sideropenica a causa della perdita di sangue durante le mestruazioni e all'aumentata richiesta metabolica in gravidanza.
  • Anche i soggetti adulti in età più avanzata possono essere maggiormente esposti al rischio di sviluppare anemia dovuta ad alimentazione scorretta e ad altre condizioni.
  • Mestruazioni abbondanti
  • Gravidanza, allattamento o parto recente
  • Interventi di chirurgia maggiore o trauma fisico
  • Malattie gastrointestinali tra cui la malattia celiaca, malattie infiammatorie croniche intestinali come colite ulcerosa e morbo di Crohn
  • Ulcera peptica
  • Procedure bariatriche, interventi di bypass gastrico in particolare
  • Dieta vegetariana, vegana o non includente alimenti ricchi di ferro (ferro di origine vegetale, oppure vegetali ricchi in ferro non assorbibile come il ferro contenuto in carni, pesce e pollame)
  • Assumere, in età pediatrica, più di 470-700 ml al giorno di latte vaccino (ha un basso contenuto di ferro, può diminuirne l'assorbimento o causare irritazione cronica della mucosa intestinale con relative perdite di sangue)
  • Stato di gravidanza nei paesi del terzo mondo, in particolare nelle donne affette da malaria, anchilostomiasi o deficit di vitamina A
  • Emorragie o tumori gastrointestinali, ulcera gastrica o duodenale, in donne di età pari o superiore a 50 anni
     

La causa più frequente di anemia megaloblastica è il deficit di acido folico o di vitamina B12. Altre cause meno comuni sono:

  • Abuso di alcol
  • Alcune malattie ereditarie
  • Farmaci che danneggiano il DNA, tra cui i farmaci chemioterapici
  • Leucemia
  • Sindrome mielodisplastica
  • Mielofibrosi
  • Fenitoina (Dilantin), farmaco anticonvulsivante

L'anemia perniciosa si riscontra più comunemente nei soggetti di origine nordeuropea e africana rispetto ad altri gruppi etnici e il rischio è maggiore anche per gli anziani. Ciò è dovuto principalmente ad un deficit di fattore intrinseco secreto dallo stomaco che impedisce l'assorbimento della vitamina B12 nell'intestino tenue. La secrezione acida dello stomaco, infatti, si riduce fisiologicamente con l'invecchiamento.

 

L'anemia perniciosa può verificarsi anche nei più giovani e in altre popolazioni. Il rischio è maggiore in caso di:

  • Storia familiare di malattia
  • Resezione gastrica parziale o totale. Lo stomaco produce il fattore intrinseco, una proteina che aiuta il corpo ad assorbire la vitamina B12.
  • Malattie autoimmuni che coinvolgono le ghiandole endocrine come il morbo di Addison, il diabete di tipo 1, la malattia di Graves e la vitiligine. La ricerca suggerisce la presenza di un legame tra tali patologie autoimmuni e anemia perniciosa dovuta a risposta autoimmune.
  • Asportazione parziale o totale del piccolo intestino, sede di assorbimento della vitamina B12.
  • Malattie intestinali o altri disordini che possono impedire il normale assorbimento della vitamina B12 come il morbo di Crohn, le infezioni intestinali e l'HIV.
  • Farmaci che impediscono il normale assorbimento della vitamina B12, come alcuni tipi di antibiotici e gli antiepilettici.
  • Alimentazione priva di prodotti di origine animale o lattiero-caseari in assenza di supplementi di vitamina B12 o comunque inadeguata.
     

Symptoms

Nella maggior parte dei casi i sintomi di anemia sono inizialmente di grado lieve e a lenta evoluzione. I sintomi principali possono essere:19

  • Sensazione di stanchezza o spossatezza inconsueta o da esercizio fisico
  • Mal di testa
  • Difficoltà nel pensare o di concentrazione

 

Sintomi che possono presentarsi in caso di peggioramento dello stato anemico:

  • Colorazione blu delle sclere
  • Fragilità ungueale
  • Sensazione di testa vuota quando ci si alza
  • Cute pallida
  • Respiro corto
  • Lingua arrossata

Poiché la carenza di ferro è a lento sviluppo, il continuo adattamento che si instaura comporta il mancato riconoscimento della patologia per diverso tempo, anche per anni; i pazienti si adattano di frequente agli effetti sistemici dell'anemia. I casi più gravi possono presentare dispnea (difficoltà respiratoria).20

 

Altri sintomi e segni di anemia sideropenica sono:20

  • Ansia che sfocia spesso in disturbi di tipo ossessivo-compulsivo (DOC)
  • Irritabilità o senso di abbattimento
  • Angina
  • Stipsi
  • Acufene (ronzio auricolare)
  • Ulcere a livello del cavo orale
  • Palpitazioni
  • Caduta dei capelli
  • Svenimento o sensazione di svenimento
  • Depressione
  • Affanno
  • Contrazioni muscolari
  • Cute pallida di colorito giallognolo
  • Sensazioni di formicolio, torpore o bruciore
  • Assenza del ciclo mestruale
  • Glossite (infiammazione o infezione della lingua)
  • Coilonichia (unghie a forma di cucchiaio), deboli o fragili
  • Scarso appetito
  • Prurito

I sintomi di anemia megaloblastica possono variare da persona a persona anche se i più frequenti sono:21

  • Stanchezza
  • Debolezza muscolare
  • Perdita di appetito/peso corporeo
  • Diarrea
  • Nausea
  • Tachicardia
  • Lingua liscia e tenera
  • Tremore delle mani e dei piedi
  • Intorpidimento delle estremità

L'anemia perniciosa (PA) ha un esordio insidioso e molti segni e sintomi sono dovuti all'anemia di per sé, quando presente. In caso di mancato trattamento, la PA può comportare complicanze di tipo neurologico e, nei casi più gravi, condurre alla morte. I sintomi più comuni sono:22

  • Stanchezza
  • Depressione
  • Febbricola
  • Nausea
  • Sintomi gastrointestinali
  • Perdita di peso
  • Dolore neuropatico
  • Ittero
  • Glossite (infiammazione o infezione della lingua)
  • Fragilità ungueale
  • Calvizie o diradamento precoce dei capelli

 

Poiché la PA può coinvolgere il sistema nervoso, altri sintomi possono essere:22

  • Difficoltà di movimento e orientamento
  • Disturbi della memoria
  • Deterioramento cognitivo lieve
  • Disturbi della minzione
  • Perdita di sensibilità a livello dei piedi
  • Debolezza muscolare

Solutions

Per ridurre l'impatto dell'anemia sulle donne è importante:

  • Comprendere i fattori di rischio
  • Effettuare diagnosi rapide e accurate all'insorgenza dei sintomi
  • Mettere in atto una terapia adeguata
  • Monitorare la risposta al trattamento

 

Poiché l'anemia è spesso rilevata mediante i più comuni esami del sangue, la diagnostica di laboratorio ha un ruolo essenziale nell'assistenza alle donne nell'intero continuum di cura.

 

Specializzata in diagnostica integrata, Siemens offre soluzioni complete per valutazione del rischio, prevenzione, diagnosi, terapia e assistenza post-terapeutica. Le soluzioni dedicate al settore IT sanitario, inoltre, facilitano lo scambio di dati per prendere decisioni terapeutiche più informate.
 


 

Other Siemens Systems

EPO

 

 

x

 

 

 

 

Ferritin

x

x

x

x

x

x

x

Folate

 

x

x

x

x*

 

 

Hemopexin

 

 

 

x

 

 

x

Homocysteine

 

x

x

x

 

 

x

Iron

x

 

 

x

x

x

 

RBC folate

 

x

x

 

 

 

 

Soluble transferrin receptor (sTfR)

 

 

 

x

 

 

x

Total iron-binding capacity (TIBC)

x

 

 

x

x

x

 

Vitamin B12

 

x

x

x

x*

 

 

CBC

 

 

 

 

 

 

x

Reticulocyte count

 

 

 

 

 

 

x

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22